ⓘ Rocchetta Nervina. Il borgo medievale di Rocchetta Nervina è adagiato sul pendio del monte Terca, sulla confluenza del rio Oggia con il torrente Barbaira, in va ..

                                     

ⓘ Rocchetta Nervina

Il borgo medievale di Rocchetta Nervina è adagiato sul pendio del monte Terca, sulla confluenza del rio Oggia con il torrente Barbaira, in val Nervia. Il comune è situato a soli 13 km dalla costa, alle spalle di Ventimiglia. Questo favorisce il clima, con temperature quasi costanti durante tutto lanno su valori tardo primaverili.

Il suo territorio è crocevia tra lAlta Via dei Monti Liguri e il sentiero Balcone, collegante Sanremo con le città francesi di Nizza e Mentone.

                                     

1. Storia

Studi effettuati sul territorio hanno permesso il ritrovamento di reperti dellepoca preromana sul monte Abellio. La vetta montana prende il nome dal dio onorato dalle popolazioni celtiche e liguri originarie del luogo. Durante lepoca romana il borgo conobbe una fiorente attività economica, legato al commercio e alla produzione agricola dei servi e dei coloni. Sono state rinvenute, in certe aree, monete romane di varie epoche raffiguranti imperatori romani quali Gordiano II e Gordiano III.

Le prime notizie documentabili su Rocchetta Nervina risalgono però al 1186 quando, in un manoscritto medievale, e sotto la dominazione dei conti di Ventimiglia, si cita il borgo di Castrum Barbairae, dal nome del rio Barbaira. Nel documento si apprende di una ribellione degli stessi abitanti contro il signore del luogo, Enrichetto dei conti di Ventimiglia, che costretto alla fuga si rifugiò nel proprio castello.

Già alle dipendenze del distretto di Saorge il territorio rocchettino passò dal 1342 sotto la signoria dei Doria, nel Marchesato di Dolceacqua. Nei trentanni che vanno dal 1348 al 1378 rappresaglie, incendi e scorrerie dominarono il borgo a causa dei conflitti tra il Ducato di Savoia, i Doria e gli abitanti di Rocchetta; tra gli episodi di rilievo avvenuti nella contea rocchettina è documentato nel 1360 la devastazione compiuta dal "tiranno di Dolceacqua" Imperiale Doria.

Tornato alle dipendenze dei Savoia, nel 1559 fu unito nuovamente al marchesato dolceacquino durante la signoria di Stefano Doria. Dal 1723 il territorio di Rocchetta fu compreso nella contea di Nizza e dal 1729 nella provincia di Sospello. Nel 1732 il vassallaggio su Rocchetta Nervina passò ai Perrucca.

Nel 1793 entrò a far parte del cantone di Perinaldo distretto di Mentone nel dipartimento francese delle Alpi Marittime. Dal 1805 con il Primo Impero francese Rocchetta Nervina restò nello stesso cantone con il capoluogo trasferito a Dolceacqua, ma passò nel nuovo distretto di Sanremo dello stesso dipartimento francese, esteso allEst per annessione di una parte della Repubblica Ligure.

Con la caduta di Napoleone Bonaparte, e secondo le disposizioni del congresso di Vienna del 1814, la costituita municipalità di Rocchetta Nervina passò sotto il Regno di Sardegna. Facente parte del Regno dItalia dal 1861, dal 1859 al 1926 il territorio fu compreso nel III mandamento di Dolceacqua del circondario di Sanremo facente parte della provincia di Nizza.

Nel 1862 con regio decreto assunse la denominazione di Rocchetta Nervina.

Dal 1973 al 30 aprile 2011 ha fatto parte della Comunità montana Intemelia.

                                     

2. Monumenti e luoghi dinteresse

Aree naturali

Il monte Abellio è un sito di interesse comunitario SIC istituito con Decreto Ministeriale del 25 marzo 2005, ai sensi della Direttiva 92/43/CEE Direttiva Habitat.

                                     

2.1. Monumenti e luoghi dinteresse Architetture religiose

  • Chiesa parrocchiale di Santo Stefano. Di origine cinquecentesca è stata rimaneggiata nel corso del XVIII secolo in stile barocco. Nellinterno sono conservati due dipinti del XVII secolo e un tabernacolo in pietra nera. In facciata è presente un architrave scolpito datato al 1536.
  • Oratorio della Santissima Annunziata. Al suo interno è custodita una tela del 1626 raffigurante l Apparizione della Madonna ; nel dipinto è raffigurata una Rocchetta Nervina del Seicento devastata dalle fiamme per la guerra, del 1625, tra i soldati della Repubblica di Genova e il Ducato di Savoia.
                                     

2.2. Monumenti e luoghi dinteresse Aree naturali

Il monte Abellio è un sito di interesse comunitario SIC istituito con Decreto Ministeriale del 25 marzo 2005, ai sensi della Direttiva 92/43/CEE Direttiva Habitat.

                                     

3. Geografia antropica

Il territorio comunale è costituito dal solo capoluogo per una superficie territoriale di 15.29 km².

Confina a nord con il comune francese di Saorge, a sud con Dolceacqua, ad ovest con Breil-sur-Roya e ad est con Pigna, Isolabona, Apricale e Dolceacqua.

                                     

4. Economia

Leconomia del borgo si basa principalmente sullattività agricola, più specificatamente alla produzione di olio di oliva, vini pregiati e la floricoltura. Nel periodo estivo leconomia del paese va a puntare sul turismo, specialmente di persone provenienti da paesi del Nord Europa.



                                     

5. Infrastrutture e trasporti

Strade

Il territorio comunale di Rocchetta Nervina è attraversato principalmente dalla strada provinciale 68 che gli permette il collegamento con Dolceacqua, a sud, e Pigna a nord.

                                     

6. Sport

Tradizionale attività sportiva di Rocchetta Nervina è il gioco del balun, ossia del pallone elastico. Ogni anno, nel periodo estivo, viene organizzato un torneo cui partecipano diverse squadre dellentroterra imperiese.