ⓘ Ren Tao, conosciuto come Len Tao nel doppiaggio italiano, è, dopo il protagonista Yoh Asakura, il personaggio principale della serie manga e anime Shaman King, ..

                                     

ⓘ Ren Tao

Ren Tao, conosciuto come Len Tao nel doppiaggio italiano, è, dopo il protagonista Yoh Asakura, il personaggio principale della serie manga e anime Shaman King, nonché lantagonista della prima parte della storia.

                                     

1. Il personaggio

Ren è il primo sciamano che Yoh incontra e suo grande rivale. Sarà proprio grazie al protagonista che il giovane Tao, reso crudele dagli insegnamenti del padre zio nel doppiaggio della 4Kids, alla fine della prima parte della storia si redimerà e cambierà la sua concezione tragica della vita, diventando fedele amico di Yoh, ma continuando a stimare il medesimo come leale avversario.

Ren è spavaldo, sicuro di sé, dotato di un forte intuito, impulsivo, individualista, preferisce fare tutto da solo e non accetta alcun consiglio; tuttavia, è un ragazzo sensibile, anche se nasconde questo lato di sé dietro un comportamento da duro.

Ren è uno sciamano molto potente, ed il suo spirito custode è Bason, un guerriero cinese della dinastia Han, capo militare vissuto al tempo di Kublai Khan e morto in battaglia. In vita servì sempre la famiglia Tao, da cui ha continuato a dipendere fino ad ora. Nel manga, Ren diventa uno dei cinque Guerrieri Leggendari, ergo riceve lo Spirit of Thunder Spirito del Tuono.

Ren combatte con una lunga lancia, la Kwan-dao, appartenuta a Bason quando era in vita. Nel corso della storia, il ragazzo riceve anche la Spada del Tuono Houraiken in lingua originale, simbolo del capofamiglia, da suo padre.

                                     

2. Manga

Il combattimento tra Ren e Yoh nel torneo si svolge similmente allanime, ma con piccole divergenze. Per esempio, la differenza tra la forza di Ren e quella di Yoh si può notare anche numericamente, con valore 350 del livello di furyoku dello sciamano di Hong Kong. Inoltre, tale confronto alimenta solo lansia di Silva, che ha appena saputo da Goldva, il capo del Consiglio degli Sciamani, che il suo migliore amico Chrom è stato ucciso proprio da Ren. E ancora, quando il rappresentante dei Tao chiama Fenice Bianca, la maglia si disintegra per limpeto, e lui rimane a petto nudo.

Nella seconda parte della storia, da cui ladattamento anime differisce molto, dopo che Ren viene ucciso da Peyote Manta chiede aiuto ad Iron Maiden Jeanne. Pare che la ragazzina debba baciare il giovane Tao, disteso su una croce di fiori, per il rito della resurrezione. Lo spirito di Ren è imbarazzato, ma è Shamash, il custode di Jeanne, a dare un bacio al ragazzo, che, risvegliatosi, esprime il suo sdegno, nonché il suo imbarazzo. Alla fine del manga, Ren ha 21 anni ed ha avuto un figlio dallora diciassettenne Jeanne, Men.

                                     

3.1. Anime Odio di sangue

Di origini cinesi, Ren si trasferisce a Tokyo da Hong Kong per partecipare al Torneo degli Sciamani Shaman Fight che si svolge ogni 500 anni per designare il nuovo Shaman King, il Re degli Sciamani. Questo affiancherà lo Spirit King, il più forte tra gli spettri, e a lui sarà affidato il compito di salvare il mondo e offerta la possibilità di esaudire il suo desiderio più grande. Lobiettivo di Ren consiste nel dominare il mondo, ma nella versione originale dellanime e nel manga il giovane vuole diventare Shaman King per uccidere suo padre, En, che lo ha cresciuto solo per vendicarsi. Così il ragazzino spezzerebbe tutti i legami con la famiglia Tao a cui appartiene. Ren, come la sorella maggiore Jun, da piccolo ha subito duri maltrattamenti da parte di En, e gli sono stati mostrati spargimenti di sangue; infatti, il ragazzo ricorda che quando era bambino il padre lo aveva portato in una zona della sua dimora in Cina, e lui gli aveva chiesto come mai stesse uccidendo tutti: erano coloro che poi sono divenuti gli spiriti cacciatori, zombie al servizio della famiglia Tao, e il piccolo Ren ha assistito alla loro uccisione per mano di En, il quale ha spiegato al figlio che nessuno mai avrebbe aiutato lo sciamano. La scena è stata modificata in America e in Italia tramite il doppiaggio: En Tao aveva condotto Ren a vedere le fondamenta su cui si costituisce la loro famiglia per insegnare al piccolo, che si era accorto di vedere dei fantasmi senza comprendere il motivo per cui luomo lo avesse portato lì, "la lezione più importante di tutte", come egli stesso aveva detto: "distruggi o verrai distrutto". Nella nostra versione, invece, En è lo zio di Ren, e i rapporti tra i due sono differenti da quelli mostrati nella versione giapponese dellanime: in quella originale, il figlio è ribelle e ostile al padre, mentre, da noi, il nipote segue gli ideali di odio e di rabbia inculcatigli dallo zio che rispetta. Ciò che En gli ha insegnato è che nella vita "soltanto i forti e i vendicativi sopravvivono" e, quindi, a vivere secondo quella famosa regola "distruggi o verrai distrutto". Egli, affinché il nipote rammenti ciò, gli ha impresso sulla schiena un simbolo come quello del Taoismo ma più particolare che ricordi la travagliata storia dei suoi antenati.



                                     

3.2. Anime Misantropia

Sin dallinizio della storia si nota il disprezzo che Ren nutre nei confronti degli esseri umani, che stima come "parassiti" che infettano il mondo nella versione originale dellanime, "vili e disgustosi".

Nel doppiaggio americano e in quello italiano lo sciamano vuole diventare Shaman King per dominare la Terra, in quanto crede che nel mondo ostile solo i duri sopravvivono. Suo zio vuole che governi "con il pugno di ferro", e per questo gli ha insegnato ad odiare. Gli esseri umani per Ren sono creature patetiche, da dover sottomettere e schiacciare per poter rimanere in vita. La parola "dominare" sostituisce il verbo "distruggere" della versione animata originale. Lultimo discendente della famiglia Tao non vuole divenire il Re degli Sciamani per governare il mondo, ma per uccidere En vedi paragrafo precedente. Distruggerà tutti gli esseri umani, non parla proprio di dominarli nella serie originale. Infatti, mentre osserva dallalto auto bloccate per la strada dice:

                                     

3.3. Anime Sotto un cielo rosso

Ren compare per la prima volta nellepisodio 3 capitolo 5 nel manga e, essendosi trasferito, vive da solo in condizioni agiate. Il suo intento è quello di eliminare tutti gli sciamani che prenderanno parte allo Shaman Fight; primo di tutti, Yoh. Così, gli dà appuntamento alla Monument Hill, un cimitero. Ma, mentre nella versione nipponica dellanime Ren sfida il protagonista nel momento in cui si incontrano personalmente attraversando la strada, in quella americana e anche italiana attira prima presso di sé Manta, il migliore amico di Yoh, su quella "collina dei fantasmi", affinché possa riferire allavversario una minaccia di morte. Nella versione originale Manta si reca alla Monument Hill non perché invitato da Ren, come ci fa capire il doppiaggio italiano, ma perché attratto dalle sue parole. Infatti, nella nostra versione dellanime il ragazzo della famiglia Tao pronuncia al migliore amico di Yoh le seguenti parole:

Poi, una volta che laltro arriva al cimitero, aggiunge:

Invece, nella versione giapponese, Manta si reca alla Minument Hill udendo qualcuno che parla dicendo:

Giunto sul posto, lamico del protagonista vede Ren che rimane in silenzio nel momento in cui si volta verso di lui, e si rende conto che esistono altri sciamani oltre a Yoh. Inoltre, quando Manta rincontra il ragazzo di Hong Kong, questo, nel doppiaggio americano e nella traduzione italiana, gli intima:

Diversamente, nella versione originale della serie gli rivela quale debba essere la strada da intraprendere dagli esseri umani, chiedendogli:

Infatti, anche nei momenti difficili, Ren è sicuro della guida delle stelle; per esempio, prima di un imminente scontro nel torneo contro i suoi cugini, intenti a distruggerlo, incerto sul suo futuro, dice a Bason:

Uguale è, invece, la scena successiva, in cui il ragazzo attraversa la strada imprudentemente e si salva da un camion sfoderando, tranquillo e sicuro, la sua Kwan-dao, con cui divide il veicolo in due. Poi parla dello Shaman King. Ma mentre si allontana, se nel doppiaggio americano e in quello italiano intima nuovamente a Manta di riferire il suo messaggio a Yoh, nella versione originale ripete la stessa frase che allinizio aveva attirato lamico del protagonista alla Monument Hill. Il tutto accade sotto un cielo rosso.

                                     

3.4. Anime Ren VS Yoh

Il combattimento tra Ren e Yoh costituisce per lo sciamano cinese, come per lo sfidante, la prima occasione di mettere in pratica le tecniche apprese durante la sua dura preparazione, seguita personalmente dallo zio: gli antenati della famiglia Tao sono rimasti nellombra per secoli attendendo lascesa di uno Shaman King appartenente alla loro dinastia, e Ren, nato in tempo per il torneo, sarà colui che soddisferà le loro aspettative. Penetrata nel suo corpo la forma spirito di Bason, con la sua arma Ren lotta come un abilissimo sciamano sfruttando il massimo del potere del suo custode, e riesce a sconfiggere Yoh, ma non ad ucciderlo: il protagonista, infatti, è tratto in salvo da Ryu, capo della banda dei Senza uscita, che ha assistito allo scontro. Ma lultimo discendente della famiglia Tao non è intenzionato a lasciarlo vivo, specie dopo aver parlato con lo zio che gli ha espresso che la sua famiglia ha cominciato a dubitare delle capacità del ragazzino. In questa scena il dialogo tra i due è cambiato: in realtà lo sciamano conclude la conversazione dicendo al padre che non prende ordini da lui, e non si parla dei dubbi dei suoi parenti. Così aspetta fuori dallospedale in cui lavversario è stato portato, affinché possa combattere nuovamente con lui; ma questa volta, per Ren, solo uno sopravviverà. Già dal primo incontro, è chiara la divergenza di opinioni tra i due contendenti: Yoh è molto legato al suo spirito custode e lo considera suo amico, mentre Ren pensa, secondo gli ideali dello zio, che tutti gli spettri, strumenti privi di sentimenti, debbano essere sottomessi allo sciamano. Dunque, anche se allinizio è in vantaggio, perde contro Yoh che trae forza dallamicizia che lo lega al suo spirito custode. Così, i due ragazzi sono, per il momento, in parità. Dopo la sconfitta, Jun raggiunge il fratello a Tokyo. Il giovane si sorprende di trovarla nella sua stanza.

Alcuni esponenti della famiglia Tao continueranno a perseguitare il protagonista affinché Ren possa partire avvantaggiato nel Torneo degli Sciamani.



                                     

3.5. Anime La Stella azzurra: comincia il torneo

Presto sfreccia nel cielo la Stella del Destino, che preannuncia linizio del grande torneo, a cui lo sciamano cinese assiste credendo in una vittoria sicura e schiacciante. Arriva, così, il momento per i partecipanti di affrontare un esame dammissione, che Ren supera, uccidendo crudelmente il rappresentante del Consiglio degli Sciamani scelto per mettere alla prova le sue capacità. Durante la sfida anche se allo spettatore non viene mostrato, Ren impara ad utilizzare il furyoku, ovvero il controllo dello spirito, incanalando la forma ridotta dello spettro di Bason nella sua Kwan-dao. Può poi impossessarsi della Campanella dellOracolo, un manufatto che prova che lui è un partecipante del torneo, e che gli sarà utile per avere informazioni sugli sfidanti e sui combattimenti.

Il regolamento del torneo prevede che solo coloro che vinceranno due incontri su tre da disputare passeranno al girone successivo. Ren riesce a battere un avversario, ma perde una disputa: il suo destino dipende dallultima sfida. Il suo prossimo avversario è proprio Yoh, e il perfido sciamano, saputa la notizia, irrompe in sella al suo bianco cavallo Fenice Bianca in Giappone Hakuoh nel cimitero in cui il giurato rivale ha appena perso un incontro, spazzando via con un fulmine dorato lo sfidante del protagonista, che è salvo, così, da morte certa. Ora Ren predice la fine a Yoh lo sciamano cinese lo ha salvato solo perché desidera ucciderlo personalmente.



                                     

3.6. Anime Il pentimento di Ren

Sopraggiunge così il giorno tanto atteso. Lincontro è molto importante per entrambi i contendenti: sia Ren che Yoh hanno vinto una sfida e perso unaltra. Lultimo discendente della famiglia Tao è uno sciamano molto forte, motivo per cui Silva, lofficiante del torneo che ha verificato le capacità del protagonista durante la sua prova dammissione, è preoccupato per Asakura. Il controllo dello spirito che ha Ren è infatti maggiore di quello di Yoh. Durante il combattimento, questultimo, non solo lofficiante, può osservare i miglioramenti dellavversario, che riesce ad utilizzare un furyoku estremamente potente che gli permette anche di ingrandire il fantasma di Bason nelle fasi finali della sfida. Ma, lentamente, la rabbia che il cinese nutre verso il mondo si trasforma in un ostacolo alla sua forza, come gli vuole far capire Yoh. Inoltre, Silva nota che, se allinizio lantagonista è partito in vantaggio a causa del suo controllo dello spirito maggiore, la sua condizione risulta ora pari a quella del suo opponente, che, diversamente da lui, ha iniziato il combattimento usando un livello inferiore di furyoku, che non ha sfruttato pienamente. Ciò significa che ogni qual volta il controllo dello spirito dello sciamano della famiglia Tao viene spezzato, il ragazzo subisce un danno maggiore rispetto a Yoh. Ma Ren, convinto che solo i duri sopravvivano nel mondo crudele, non può permettersi di perdere, e chiede aiuto a Corvo Nero Kokutoh in Giappone, il destriero di Bason. Incarna il suo spettro nel corpo di Fenice Bianca, molto recettivo al controllo dello spirito. In pratica, lo sciamano può contare sullaiuto di due spiriti custodi. Con lattacco finale, Ren esaurisce tutto il suo furyoku, provando per la prima volta la splendida sensazione della libertà. Pensa di aver perso, ma lo scontro è terminato in parità: sia lui che Yoh hanno superato il tuno, per essere ammessi al girone successivo. Dopo un buffo litigio, il protagonista invita laltro esitante a casa sua, dove Ren conosce gli amici di Yoh, tra cui Horo Horo, innervosito dalle battute arroganti del ragazzo; ma, dietro divertenti bisticci, tra i due si instaura un rapporto di amicizia. Durante la notte, Ren dice a Yoh, lunico a notare che quello sta andando via, che deve occuparsi di una faccenda urgente. Così, si allontana in sella al suo cavallo. Il suo intento è quello di sconfiggere lo zio: ha capito che la visione di En è sbagliata; non crede più a ideali di odio o che le persone siano meschine. Ren ha conosciuto dei ragazzi che, per la prima volta, sono diventati suoi amici, e ciò gli ha permesso di cambiare. Anche Bason con cui il giovane si confida nel treno che lo porterà in Cina, che non è mai stato ben trattato dal padrone, è felice per lui.

                                     

3.7. Anime La prigione della tortura

Ren raggiunge la sua dimora in Cina per sistemare le cose con En, ma ad aspettarlo trova gli spiriti cacciatori dello zio che lo sciamano affronta personalmente dopo essersi liberato da quelli. Lo scontro tra i due è mostrato allo spettatore tramite i ricordi di Bason, che va a chiedere aiuto a Yoh e agli altri. Il suo padrone ha accolto sicuro la sfida lanciatagli da En, ma questo, dalle dimensioni enormi, era capace di rigenerarsi, rimarginando le ferite; quindi, Ren è stato sconfitto bruscamente, anche attaccato dal custode della sorella, tramutato da suo zio in spirito cacciatore. Lo sciamano, in lacrime, consapevole della superiorità di En, ha ordinato a Bason piangente ed esitante di fuggire per evitare la riduzione in schiavitù. Ora, mal ridotto, viene sottoposto a tortura, incatenato in una prigione al secondo piano sotto terra, insieme a Jun, che si era ribellata ideologicamente allo zio per salvare il fratello, temendo che avrebbe preferito distruggersi che perdere contro Yoh nello scontro con lui. Dietro le sbarre, Ren pensa a trovare un modo per sconfiggere En, anche se Jun vuole solo evadere. Finalmente, il protagonista, seguito da Horo Horo, Manta e Ryu, lo libera. Lui vuole andare a sistemare le cose con suo zio, a differenza della sorella, che, spaventata, non vuole più combattere, rimanendo sola dietro la porta aperta della prigione, da cui il fratello si allontana. Ma è costretto a tornare indietro dopo lurlo di lei. Insieme a Yoh, deve affrontare Lee Pai Long, il custode di Jun, che si trasforma in un grande drago. La creatura è molto potente, tanto che Ren è obbligato a combattere insieme al nuovo amico, dopo aver capito che per sconfiggerlo bisogna spezzare il controllo dello spirito con cui En comanda la bestia. Quindi, Pai Long torna normale, e il ragazzino Tao, seguito da Yoh, può cercare suo zio, lasciando indietro Jun.

                                     

3.8. Anime Lotta fra le mura dei Tao

Arriva per Ren il momento di sistemare i conti con lo zio, con cui può scontrarsi solo dopo aver sconfitto, con laiuto dei suoi nuovi amici, la Guardia Jhoto e gli spiriti cacciatori. La guardia è composta da combattenti scelti e lavorati da En: il malvagio ha imprigionato forti spiriti, e li ha uniti a parti di potenti animali. Ren e Yoh trovano Horo e Ryu privi di sensi, sconfitti da uno di quei guerrieri. Lo devono quindi affrontare, ma lavversario è assai potente, e li mette in serie difficoltà. Anche gli altri due amici si risvrgliano, ma il combattimento è duro. La guardia insiste sul fatto che Yoh ha influenzato molto negativamente Len. Si scopre poi che il potente ospita lo spettro di Shamon, il maestro di Lee Pai Long. Proprio lintervento del suo allievo salva la situazione: il custode di Jun, che ha deciso di combattere al fianco del fratello, sconfigge il nemico, liberando lo spirito del suo insegnante. Dopo questa vittoria, Yoh invita Ren a riposarsi un po, ma il ragazzino non ha tempo per farlo. Invita i compagni ad allontanarsi, dicendo di non aver bisogno del loro aiuto, ma quelli si rifiutano, e spingono il giovane Tao a confessare che non potrebbe mai perdonarsi se per colpa sua succedesse loro qualcosa. Ren ha unapparenza dura, non vuole chiamare gli altri "amici" si arrabbia se qualcuno lo fa, ma in realtà è sensibile. La tregua però dura poco: gli spiriti cacciatori conducono Ren e gli altri verso la Sala Tangen, lenorme stanza di En, da cui molti sciamani non sono più usciti. Prima di aprire la porta, il nipote del malvagio tranquillizza la sorella con un sorriso. Il gruppo entra nella sala, dove lo zio si presenta di sorpresa.



                                     

3.9. Anime Lo scontro con lo zio

Il combattimento tra Ren e lo zio è estremamente duro. Nessun attacco contro En sembra avere effetto. Ma il nipote è deciso a riacquistare la sua libertà; se non ce la farà, cadrà in battaglia. Subito aggredisce lo zio con Rapid Tempo, ma quello lo afferra e lo trattiene nella sua enorme mano, impedendogli quasi di respirare. Poi lo scaraventa violentemente contro il muro. Ren finisce per terra, e, immobilizzato, chiede a Yoh di andare via con gli altri. Il ragazzino però non vuole abbandonarlo, quindi attacca En. Questo contrattacca, ma il nipote lo ferma prima che faccia male al compagno, rialzandosi con un grande sforzo. Suo zio poi si siede per chiarirgli che, nonostante si impegni, rimarrà solo, anche nel momento della morte. Ren, irritato, sostiene la non veridicità di quanto luomo ha affermato, e lo attacca senza riflettere. Sembra che questa volta En subisca qualche danno, ma è ancora capace di lottare. Sferra un pugno al nipote, ma prima che possa finirlo interviene Yoh. Lo protegge, ma lo zio di Ren lo mette a tacere. I compagni dello sciamano cinese ora sono tutti a terra, ed En cerca di far capire al ragazzino quanto lamicizia lo abbia debilitato: gli altri sono caduti per difendersi a vicenda. Gli pone ora una scelta: divenire come lui o essere simile a quelli. Ren ammette di far parte del gruppo di Yoh, e lemblema della famiglia Tao impresso sulla sua schiena, diversamente da quanto gli diceva En, scompare. È motivo di grande gioia per la sorella, mentre lo zio rimane molto deluso quando scopre di aver perso il nipote. Quindi scatena la sua ira. Ren, avendo avuto unesperienza simile e compresa la lezione di Yoh, si accorge che il malvagio sta perdendo potere a causa della sua rabbia, ne approfitta per sconfiggerlo. Infatti, si dissove la gigantesca forma delluomo, che appare con sembianze normali. Quella, come aveva ipotizzato Manta, era solo unimmagine a cui En ha dato vita con il suo potente furyoku. È affiancato dagli spiriti degli antenati suoi e di Ren. Il nipote capisce di essere stato ingannato, ma suo zio lo contraddice, e spiega la storia triste e travagliata della famiglia Tao: questa era composta da sciamani che servivano la patria, ma col sopraggiungere della tecnologia i loro poteri non servivano più. La gente cominciò a considerarli stregoni e fattucchieri, li bandirono dalla capitale, li diedero la caccia. Quindi fuggirono, ma furono braccati le loro case distrutte. Il rancore che En prova nei confronti degli umani deriva dal tradimento della patria che la sua dinastia servì, e cerca perciò di convincere Ren a seguirlo per non rinnegare la famiglia. Il ragazzo dice di non volerla ripudiare, ma non per questo deve essere "schiavo del passato", cioè non ha alcun obbligo. Quindi lo zio crea il Drago Tao con il suo furyoku e gli spiriti degli avi per uccidere il nipote, in quanto questo non vuole prendere il posto che per En gli spetta in famiglia. Nonostante ciò, Ren replica la sua decisione e libera lo zio dal passato distruggendo il drago. Luomo non si arrende, ma il combattimento tra i due viene interrotto dalla madre e dal nonno dello sciamano. È lanziano a spiegare che i Tao hanno appreso dal mondo la regola "distruggi o verrai distrutto" per poter sopravvivere, ed è ancora lui a dire poi al nipote che suo padre è morto per aver cercato di cambiare la storia della famiglia, una cosa che il fratello En non ha mai perdonato; ma il nonno aggiunge che Ren, come suo padre, si è affrancato dalla storia dei Tao, avendo una cosa che solo il genitore possedeva: un cuore generoso. Solo in seguito Ren sul cavallo in corsa riceve dallo zio, che non vuole con sé, un lascito di suo padre: la Spada del Tuono, perché questo è il volere dei suoi antenati e anche di En. Così ora Ren prende il posto dello zio nel ruolo di capo famiglia, come dimostra la spada.

                                     

3.10. Anime Lo sciamano del fuoco

Nella seconda parte della storia, Ren, come gli sciamani che hanno superato il primo girone del torneo, parte per il deserto occidentale per trovare la misteriosa città di Dobie Village, dove si svolgerà la prossima fase degli scontri fra sciamani. La sera prima della partenza, Bason chiede al suo padrone perché abbia rifiutato linvito di uscire con Yoh e gli altri. Il ragazzino allora gli domanda se sia divenuto un "rammollito", cioè più dolce e sensibile. Lo spirito si giustifica, affermando di essere nato per combattere. Ren ha solo un obiettivo: essere Shaman King; è incurante dei suoi futuri avversari, sicuro della vittoria. Il giorno seguente, il aspetta Yoh, Horo e Ryu allaeroporto. Appena questi lo raggiungono, il cinese li rimprovera, dicendo che il ritardo è una mancanza di rispetto. È vero, ha aspettato, ma Horo gli fa notare che non ha neanche salutato, e si giustifica dando la colpa allautobus. Ryu poi ammira laereo privato di Ren, che si vanta di possederne altri. La discussione è interrotta da Hao Asakura, il nuovo antagonista della serie, che si presenta come uno sciamano superiore, capace di arrivare nel deserto occidentale con il controllo dello spirito. Horo è irritato, ma quello da prova della sua potenza scaraventando lui e Ryu per aria. Bason li salva, mentre Ren chiede allo spaccone cosa sia quel suo impressionante custode. Hao dice che si tratta della forza del fuoco, ed è questa a sconfiggere anche lo spettro del giovane Tao, che finisce per terra. Dopo lincontro burrascoso, il malvagio si allontana sulle spalle del suo fantasma infuocato, lasciando tutti sorpresi ed irritati. Ma anche per Ren e gli altri è giunto il momento di decollare.



                                     

3.11. Anime Verso Dobie Village

Laereo privato precipita per una causa ignota. Ren riesce a salvare se stesso e i suoi amici utilizzando il controllo dello spirito per atterrare senza problemi, una capacità che solo lui possiede. Tutti sono vivi, ma lo sciamano dei Tao è dispiaciuto per il suo aereo, nonostante Yoh cerchi di consolarlo, dicendogli che ne ha tanti altri. Ren è sicuro che si tratti di un savotaggio. La sua certezza si dimostra verità: lattentato è stato pianificato da un gruppo di sciamane poco abili. Sono le Ly, che hanno lo scopo di eliminare eventuali avversari prima delle competizioni del torneo. Non essendo riuscite nel loro intento, osservano da lontano i ragazzi, nellattesa di un momento favorevole per attaccare. Intanto, Ren e gli altri sono costretti ad attraversare il deserto a piedi. Fortunatamente, Yoh è riuscito a notare a distanza unoasi mentre precipitava; lo sciamano cinese rimane molto sorpreso dal suo grande spirito di osservazione. Raggiunto il luogo di riposo, Horo e Ryu si tuffano nelle acque del lago, impedendo a Ren di bere. Il ragazzino quindi offende gli amici, paragonandoli ad animali. Allora si accende uno scontro tra i tre. I loro controlli dello spirito sono enormi, tanto da sorprendere spaventosamente le Ly, che li spiano dallalto. Yoh però riesce a placare i bollenti animi. Quindi, Ren, Horo e Ryu smettono di litigare, prima ancora che inizino a combattere. Dopo la sosta nelloasi, i compagni si mettono in viaggio, cercando informazioni su Dobie Village. Le cose sembrano non procedere bene per i ragazzi, fin quando una giovane si presenta loro. È Lilly, una delle Ly, che dice di aver saputo delle loro ricerche. Afferma di poterli aiutare, e li conduce in una casetta. Ren non si fida, ma scopre che anche Yoh ha perplessità. Gli sciamani finiscono infatti in una trappola: le ragazze vogliono sapere quali informazioni loro hanno raccolto, ma la loro identità viene scoperta. Gli amici ne vedono solo due, ma Yoh ha notato che ce nerano più che li osservavano quando erano nelloasi. Ren rimane ancora una volta piacevolmente sorpreso. Sally, una delle sciamane rimaste fuori la casetta, sferra un attacco a sorpresa, ma i giovani si difendono con riflessi pronti. Distrutta la piccola dimora, le Ly si presentano. Ma nulla possono in combattimento contro gli sciamani, e sono costrette alla resa momentanea. Lo stesso pomeriggio, Ren dice che Yoh deve diventare il capo del gruppo; ci ha riflettuto dopo essere stato sorpreso dalle visioni dellamico, ma è orgoglioso, perciò afferma che non si è scelto per il ruolo perché non è da lui mettersi alla guida e farsi notare. La sua decisione innervosisce Horo Horo.

                                     

3.12. Anime Fidarsi

Durante le loro avventure, il giovane Tao e gli altri conoscono il rabdomante Lyserg Diethel. Ren non si fida subito di lui quando Ryu porta il ragazzino nellappartamento del gruppo: potrebbe fingere di volersi aggregare alla comitiva e poi tendere una trappola agli amici. Subito infatti, accorgendosi della difficoltà di essere accettato, Lyserg attacca Ren e gli altri per trovare uno sciamano tanto forte da batterlo: vuole unirsi a questo per vendicare la morte dei suoi genitori, uccisi da Hao, come dice egli stesso ai protagonisti. Il discendente della famiglia Tao, sicuro di sé, viene invece sorpreso dal rabdomante, che spezza con il suo pendolo la Kwan-dao. Nonostante le scuse di Lyserg, Ren non riesce ancora a fidarsi di lui, e per questo ha una discussione con Yoh che vuole che il nuovo ragazzo si unisca a loro. Lo sciamano cinese si prende una pausa per riflettere, ma poi, comprendendo cosa significhi rimanere solo, come era lui prima di incontrare i suoi amici, accetta di aver fiducia. Accorre per primo in aiuto di Lyserg durante un combattimento, anche dovendo ricorrere allunione con lo spirito, in quanto la sua arma è ancora divisa in due. Quindi parte svantaggiato nei confronti degli avversari, che possono sfruttare il potere del furyoku, ma è raggiunto dagli altri, e insieme sconfiggono i nemici.

                                     

3.13. Anime Gli angeli e lantica verità

Il viaggio verso Dobie Village continua, e Ren e i suoi compagni si trovano ad aspettare lautobus ad una stazione deserta. Il ragazzo dei Tao si accorge dellassurdità dellattesa, quindi provoca gli amici chiedendo se vedono autobus nei dintorni. Horo inveisce nervosamente contro il giovane ribadendo che il cartello indica che quella in cui la comitiva sta aspettando è la stazione degli autobus. Ma Ren, rimanendo calmo, gli chiede se davvero si aspetta che un veicolo possa comparire magicamente per portarlo a Dobie Village. Si accende un litigio acceso tra i due, ma Lyserg avverte qualcosa grazie al suo pendolo e ferma la discussione. I cielo arrossisce e da sotto terra emerge un ragazzino sulle spalle del suo gigantesco spirito custode: è Ashil, un seguace di Hao. Dice che il suo padrone non è contento di come Yoh procede; i suoi amici sono un ostacolo per la sua evoluzione, perciò Ashil deve eliminarli. Nessuno comprende il motivo delle attenzioni di Hao nei confronti di Yoh, che Big Gail, un altro fedele dellantagonista, protegge dal difficile scontro che inizia. Solo poi lavversario di Ren, Horo Horo, Ryu e Lyserg rivela che Yoh è il discendente di Hao. Il giovane Tao e gli altri rimangono sorpresi. Intanto la battaglia prosegue. Tutti sono molto impegnati nella lotta, tranne Lyserg, che si chiede se sia giusto combattere insieme a Yoh, lontano parente del suo mortale nemico. Assorto nei suoi pensieri, non si accorge dellattacco che Ashil gli sta sferrando, ma Ren lo salva. Il ragazzino cinese ammonisce il rabdomante, invitandolo a stare più attento. Quello allora gli parla, cercando di fargli rendere conto che sta lottando per difendere un discendente di Hao, il quale vuole unirsi al protagonista per impossessarsi dello Spirit King e distruggere gli uomini. Ma Ren dichiara che Yoh è suo amico e non gli interessa la sua famiglia. Intanto Horo e Ryu vengono afferrati e sollevati dallo spirito di Ashil. Poi anche il giovane Tao e Lyserg diventano prigionieri dello spettro. Yoh vede i suoi compagni soffrire, stretti nelle mani del custode del nemico. Ciò gli dà la forza di liberarsi dal muro di protezione di Big Gail e di soccorrere, così, Ren e gli altri. Il discendente dei Tao e i suoi amici possono tornare a combattere. Una volta che si sono resi conto che lo spirito di Ashil si rigenera dalla terra, sferrano un attacco che sembra sconfiggere lavversario. Questo invece si rialza e ribadisce che il suo maestro, Hao, è lo sciamano più forte, quindi lui non può essere battuto. Ma un raggio di luce che scende dal cielo lo trafigge, e Ashil muore in una forte esplosione. In un bagliore dinnanzi a Ren e agli altri, compaiono uomini vestiti di bianco: sono gli X Laws, una banda che dice di lottare per eliminare Hao e conquistare la pace, anche sacrificando le vite innocenti se necessario. Propongono al gruppo di amici di unirsi a loro, ma il giovane Tao e la sua comitiva sono rimasti impressionati dalla crudeltà con cui gli X Laws hanno ucciso Ashil, e rifiutano. Dunque quegli esseri scesi dal cielo come angeli si allontanano con la promessa di ritornare. Ren e i suoi amici ripensano a quanto accaduto, immersi nella luce rossastra del tramonto che attraversa i finestrini dellautobus con cui sta viaggiando il gruppo.

Successivamente, Lyserg si allea con gli X Laws. Il suo posto in squadra viene sostituito da Chocolove, un buffo sciamano che sogna di diventare un grande comico, che con le sue battute insensate innervosisce un po tutti, specialmente Ren, che si era opposto allinizio affinché quello si unisse alla comitiva.

                                     

3.14. Anime Il coraggio dellanima

Grazie alle informazioni del nuovo elemento, i protagonisti riescono ad incontrare gli spiriti dei cinque Grandi Capi, leader di tribú che, giunti in passato a Dobie Village, furono sconfitti da Hao, vissuto anche cinquecento anni fa. Ren, come i suoi amici, rivive il ricordo di uno di quegli uomini per trovare indizi sulla città che sta cercando, sopportando il dolore delluccisione del capo di cui la sua anima, separata dal corpo, avverte le sensazioni. Non si oppone per non patire: è lunico, oltre a Yoh, ad accettare subito, coraggiosamente e senza esitare, la condizione per trovare Dobie Village. Poi, dopo uno scontro, lo stesso in cui lo sciamano si era identificato, colpito dalla forza dellavversario, gli rivela indizi che portano alla città misteriosa.

                                     

3.15. Anime Il potere del libro

Ren e gli altri quindi cercano di seguire queste indicazioni, ma sono sempre ostacolati da Hao, che continua ad inviare i suoi scagnozzi per uccidere gli amici di Yoh. Questa volta affida il compito alle tre ragazze dell Hanagumi, le sue più fidate seguaci. Il combattimento è estremamente difficile per il gruppo, e lultimo discendente della famiglia Tao viene sconfitto da Matilda. Ma, dopo che insieme ai suoi compagni scopre che Hao si è ora reincarnato per la terza volta, può rafforzarsi con gli altri allinterno del Libro dello sciamano, scritto dalloriginale Asakura. Questo contiene però i pensieri intimi del malvagio, che gli sciamani vedono e ascoltano, rischiando di rimanere soggiogati dalla sua volontà; ma se così non fosse, riuscirebbero a diventare molto più forti di come sono. Ren con i suoi amici riesce a vedere un futuro in cui tutto è perito per mano degli uomini, che Hao vorrebbe eliminare; ma scopre anche un domani che potrebbe avverarsi, privo della contaminazione umana, in cui la Terra è popolata solo da sciamani, animali e vegetazione. Dinnanzi a tanta serenità il ragazzo della dinastia Tao prova una piacevole sensazione, come i suoi compagni, venendo infine tentato dalla voce delloriginale Asakura, che gli promette la gloria di un tempo per la sua famiglia. Usciti dal libro, ancora scioccati dalla sensazione provata, immobili, Ren e gli altri vengono attaccati dagli X Laws, che temono che quelli possano aver abbracciato le idee di Hao. Ma i ragazzi reagiscono con forza, e senza difficoltà, e con i loro spiriti, divenuti giganti, costringono i "seguaci della pace" ad allontanarsi. Ren e i suoi amici sono riusciti ad acquistare nuovi poteri senza essere influenzati dalla volontà dellantagonista: il pericolo è scongiurato. Arriva ora per Ren, Yoh e Ryu il momento della rivincita contro Matilda le altre, a cui Hao ordina di battersi per verificare quale sia la rinnovata forza degli sciamani. Il ragazzo cinese sembra aver subito la meglio contro la sua avversaria, e alla fine sprigiona tutto il potere del suo furyoku, prima che lo facciano i suoi compagni, dando vita alla forma gigantesca del suo spirito Bason. Quindi sconfigge senza difficoltà Matilda. Ma quando anche gli altri due raggiungono la vittoria, entra in scena Hao, che rivela di essere il fratello di Yoh. Ren e i suoi amici rimangono sbalorditi.

                                     

3.16. Anime Bianco o nero

Mikihisa, il padre di Yoh, compare dinnanzi al gruppo di amici chiarendo che Hao è il gemello del figlio. Ren è ansioso di sentire la verità sulle origini del suo compagno, e ascolta la storia che Mikihisa racconta sulla nascita dei fratelli. Al termine della narrazione, Chocolove vuole allontanarsi dalla comitiva sospettando della bontà di Yoh. Invece il giovane Tao, così come gli altri amici di Asakura, è assolutamente convinto della sincerità dellalleato. La discussione viene interrotta dagli X Laws. Lyserg vuole convincere Ren e gli altri ad unirsi alla sua squadra. Parla per la prima volta di Jeanne, la Donna di Ferro, il potente capo degli "uomini della pace", la quale non ha bisogno dellaiuto dei protagonisti come Ren pensa inizialmente, ma vuole offrire loro unoccasione per redimersi, dato che il gruppo del ragazzino dei Tao la ostacola. Ovviamente il cinese e gli altri rifiutano la proposta di unirsi alla banda di Lyserg, convinti della loro giustizia. Quindi si scatena una lotta tra la comitiva di Ren e gli X Laws. Lo sciamano dei Tao e gli altri proteggono Yoh, che non può combattere a causa della lenta trasformazione che sta subendo il suo custode. Gli spiriti dei nemici sono enormi, ma il giovane Ren contrattacca con Bason gigante, cosa che fanno anche i suoi amici. Il rivale di Ren è il leader degli avversari, Marco, che espone la tesi secondo cui gli sciamani sono troppo forti, e la sua squadra non può correre il rischio di una loro opposizione; se non si uniscono alla guerra contro Hao, sono nemici e devono essere eliminati. Il giovane Tao, senza alcun timore, dichiara di preferire leliminazione allalleanza con gli X Laws. Cerca in tutti i modi di non far avvicinare Marco a Yoh, ma lo sfidante se ne accorge e, sfondando il blocco posto da Bason, attacca il protagonista approfittando della debolezza del suo spirito. Ma Yoh reagisce utilizzando un nuovo potere, il Doppio Mezzo, che Ren considera scomodo. Subito infatti il ragazzino, orgoglioso delle proprie capacità, non esalta la potenza di quellarma, dicendo che non si tratta di nulla deccezionale.

                                     

3.17. Anime Atmosfera di ghiaccio

Dopo lo scontro con gli X Laws, Ren e i suoi compagni giungono in un villaggio abitato da soli sciamani. Il discendente della famiglia Tao si insospettisce subito: latmosfera è fredda, ma nessuno combatte. Il gruppo di amici incontra poi Pino, un ragazzo che deride i protagonisti dal primo istante, e che spiega loro che ogni sciamano è pronto ad attaccare il primo che commetta un qualcosa di sbagliato. Ren risponde alle sue battutine, ma poi, innervosito dallarroganza di quello, si allontana, seguito da Bason. Mentre cammina parla ad alta voce, dicendo di essere capace di battere tutti. A questo punto compare Hao, che gli propone di entrare a far parte del suo gruppo. Lui è consapevole che Ren non è come tutti gli altri amici di Yoh, e vorrebbe farlo diventare ancora più forte grazie ai suoi insegnamenti. Lo sciamano cinese però rifiuta bruscamente, e invita lantagonista a combattere. Ma Horo e Chocolove lo raggiungono, e Hao scompare replicando allamico del fratello di ripensare alla sua proposta. Ren risponde male alla domanda di Horo che chiede spiegazioni su ciò che è successo, dicendogli che non sono affari suoi, e rimane pensieroso quando i suoi compagni vengono attaccati dagli alleati di Pino. Quando questo però interviene ironicamente per fermare i suoi amici, Ren sfodera il potere del suo furyoku, ingrandendo il fantasma di Bason. Ma non avviene uno scontro. Il ragazzo dei Tao raggiunge solo a sera il resto del gruppo, e trova Lyserg combattere in una sfida ufficiale, più aggressivo di prima. Cè tristezza nel gruppo, ma Pino e i suoi prevedono ancora guai. Ren difende Horo da un attacco del ragazzo, ma poi non fa parte dei tre che risolveranno le cose con uno scontro ufficiale con gli avversari.

                                     

3.18. Anime La prova del Re

Ren e i suoi amici si rendono conto che è rimasto solo un giorno di tempo per trovare Dobie Village. Se non raggiungeranno la città verranno squalificati dal torneo. Lo sciamano cinese, nervoso, accusa i compagni di essere troppo lenti, e comincia a pensare che potrebbero anche aver sbagliato strada. Ma Bason e gli altri spiriti sentono una voce, che potrebbe essere quella dello Spirit King. Con questo sospetto, Ren e il suo gruppo trascorrono la notte allaperto, attendendo il mattino. Con la luce del giorno i protagonisti riescono a vedere le rovine di una città, e si inoltrano nellignoto. Successivamente nuotano in un profondo e limpido lago, per poi passare attraverso un tunnel sotterraneo. Ren ricorda ai compagni, irritati dalle sue parole, che ci sarà posto per un solo Re degli Sciamani, proclamandosi il sicuro vincitore. È vero, prima o poi gli alleati dovranno scontrarsi, ma ora li aspetta una prova damicizia. Il giovane Tao e gli altri odono una voce, quella dello Spirit King, che ha ostruito tutte le vie duscita per trascinare i ragazzi, accecati dalla luce dello spettro sovrano, nella sua dimensione. Lesame di Ren non viene mostrato per intero allo spettatore, in quanto si trova già al Patch Caffè di Dobie Village con gli altri ad aspettare Yoh. La stessa sera, lui e i suoi compagni scoprono che la prova per essere ammessi nella città dove si terranno gli scontri del torneo era uguale per ognuno: lo sciamano cinese non è stato il solo a lottare duramente contro lo Spirit King, che gli aveva fatto vedere i suoi amici in difficoltà. A loro non era permessa lentrata a Dobie Village, ma Ren non voleva andarsene da solo. La battaglia non si è conclusa: il Re aveva capito che il ragazzo era degno di poter partecipare al torneo.

                                     

3.19. Anime Il Team The Ren

Ciò che sorprende davvero il discendente dei Tao e gli altri ancora riuniti al Patch Caffè è lannuncio di Gold: i concorrenti sciamani devono unirsi in gruppi di tre per combattere negli scontri ufficiali. Per esclusione, Ren decide di allearsi con Horo e Chocolove. Registra da solo la sua squadra con il nome di Team The Ren Team Len nelledizione italiana dell anime. Questo titolo stabilisce inevitabilmente che il ragazzino sarà il leader. Horo prende male il gesto. Nel gruppo ci saranno sempre molti litigi: le solite discussioni tra lui e il giovane Tao; Chocolove con le sue assurde battute provoca il nervosismo dei suoi compagni. Nonostante tutto, i tre dovranno affrontare insieme squadre agguerrite: i Doshi force, il Team Destino e i Dairedo.

                                     

4. Famiglia

La famiglia Tao è nota per aver sempre sconfitto i suoi avversari. Tradita e braccata dalla patria, la Cina, si è nascosta per secoli fra le montagne, dove si è preparata per il Torneo degli Sciamani. Intanto, i sentimenti che crescevano erano lodio e il rancore nei confronti degli esseri umani.

                                     

4.1. Famiglia Jun Tao

Jun è la sorella maggiore di Ren. È una doshi, un essere capace di controllare gli zombie con dei talismani. Il suo custode è Lee Pai Long. Il fratello è la persona più importante per Jun, la quale soffre per timore che il giovane sia in pericolo. Prima che la ragazza si redimesse, lunico di cui si prendeva cura era Ren. Come lui, Jun pensava che gli spiriti fossero solo strumenti privi di emozioni, ma ha cambiato la sua visione delle cose precedentemente al pentimento del giovane Tao, che ha visto personalmente come la sorella abbia stretto amicizia con il suo custode. Nelladattamento italiano dellanime, dopo la redenzione di Jun, lui la stuzzica dicendole che spera En non venga a conoscenza della nuova ideologia di lei o di sapere come è andata con Pai Long. È turbato per il cambiamento della sorella. Nel doppiaggio originale, invece, lui non dice nulla e guarda preoccupato la ragazza, vedendola assorta nei suoi pensieri. Ren ricambia lintenso affetto della sorella, tantè che ne è addirittura geloso. Anche per Ren la sorella è la persona più importante, e non a caso vuole scrivere il suo nome sul chicco di riso; sceglie quello di Bason solo perché lo spirito ci tiene. Tuttavia, mentre Jun si dimostra affettuosa, Ren è timido e nasconde i suoi sentimenti.

                                     

4.2. Famiglia En Tao

En è il più pericoloso dei Tao: sciamano potente, imprigiona le anime per ottenere maggiore furyoku, perfezionando le arti oscure. Nel doppiaggio italiano è lo zio di Ren, ma nella storia originale è suo padre. Nel primo caso, il nipote lo rispetta, e si rivolge a lui chiamandolo addirittura "signore", fino a quando non incontra Yoh e i suoi amici, i primi ad accettarlo. Solo dopo aver capito che lodio che gli ha sempre trasmesso En è ingiustificato, si ribella allo zio, nonostante luomo lo abbia accolto in casa sua quando lui era solo e smarrito. Nellaltro caso, Ren veniva sempre maltrattato dal padre quando era bambino, e per questo, divenuto più grande, vuole uccidere il genitore. È il motivo per cui desidera diventare Shaman King. En non si è mai rivelato a Ren: per molti anni ha nascosto le sue vere sembianze dietro una "gigantesca facciata", ma quando suo figlio lo accusa di averlo ingannato, luomo chiarisce comunque che non è così. Dopo il tradimento della patria, per En lunica cosa che conta davvero è la famiglia, ma, nonostante ciò, è pronto ad uccidere Ren nello scontro fra i due, solo perché quello non vuole assumere il ruolo che il padre vorrebbe che avesse fra i Tao. In seguito, però, cede al ragazzino la Spada del Tuono, nonché il ruolo di capo famiglia. Ren nutre un forte odio nei confronti di suo padre, e nella serie animata non si può assistere ad una riconciliazione fra i due. Nellepisodio 50, lo sciamano rinnega En: la sua paura è quella di diventare come lui. Mentre, nello speciale I documenti dello Shaman Fight, Manta chiede al ragazzo se si sia riappacificato con il genitore, e lui risponde allimpiccione che non sono affari suoi; quindi potrebbe esserci una speranza. Nel manga, inoltre, En raggiunge il figlio verso la fine del primo scontro del team di Ren nel torneo, ed il giovane si imbarazza per il suo sostegno. Nonostante tutto, suo padre, come si vede nel Kanzenban, ha sempre provato affetto nei confronti dello sciamano, conservando, allinsaputa di tutti, un album di fotografie del suo bambino.

                                     

4.3. Famiglia Men Tao

Men è il figlio che Jeanne ha dato a Ren, già padre a soli 21 anni. Compare per la prima volta in Funbari no uta del Kanzenban, ed è appena un bebè. Cresciuto, nellultimo capitolo di Mentalité è uno sciamano, e combatte con la Kwan-dao e Bason, che il padre, ora di 28 anni, gli ha regalato. Men assomiglia molto a Ren, specie quando questo era ancora ragazzino ; tuttavia, il colore degli occhi e dei capelli, come nota Lyserg, lo ha preso dalla madre Jeanne. Quando è più grande, si può notare chiaramente che ha ereditato anche il carattere da suo padre. Il nome deriva dallunione di quelli dei suoi genitori: "Me" da Iron Maiden Jeanne アイアン・ メ イデン・ジャンヌ Aian Me iden Jannu? e "n" da Re n レ ン.

Men è stato concepito quando il padre aveva probabilmente meno di 21 anni e la madre sicuramente meno di 17.

                                     

5. Curiosità

  • Nel doppiaggio americano, Ren ha un accento inglese è di Hong Kong.
  • Nel doppiaggio originale, Ren canta alcune canzoni con la voce di Romi Paku: Ryuuro "Rivelazione", Jiri "Ragione" e Muge "Senza ostacoli". Non sono pervenute in Italia.
  • Essendo nato il 1º gennaio, Ren è del segno del Capricorno.
  • Ren beve sempre 3 bottigliette di latte. Infatti, quando irrompe in sella al suo cavallo nel duello di Yoh e salva questultimo, nel doppiaggio originale critica il ragazzo di scarsa potenza e aggiunge di essere molto forte, proprio perché beve 3 bottigliette di latte al giorno.
  • Nella sua casa a Tokyo, Ren ha una palestra dove si allena sempre.
  • Ren 蓮? significa "loto" ; Tao 道? vuol dire "via", "sentiero". In Giappone, la r del nome si può leggere anche l. Ren viene spesso chiamato prima per cognome e poi per nome. Nelledizione americana e italiana dellanime, è conosciuto come Len, mentre in Francia e nei videogiochi inglesi con il nome Lenny.
  • Nell Official Shaman King character book, Ren rivela che gli piacerebbe una ragazza che sia più piccola di lui e non troppo noiosa. Da notare che Jeanne è nata dopo dello sciamano.
  • Quando è arrabbiato o nervoso, Ren allunga la cresta dei capelli.